Il blog degli studenti del Bachelor of Arts SUPSI
in Comunicazione Visiva

22/12/2014

Si alza il vento


Il nuovo e ultimo film di Miyazaki,
"Si alza il vento", non è il capitolo finale che tutti ci aspettavamo.
Questo film di Hayao Miyazaki mi ha deluso un poco perché mi aspettavo ben altro da questa storia.
Quest'animazione non ha niente a che vedere con le storie che Miyazaki raccontava tramite i personaggi grotteschi e misteriosi, gli animali fantastici e quelle situazioni quasi incredibili da concepire per quanto distorte e stravaganti, come ad esempio in "La ciità incantata" dove misteriosamente i genitori della protagonista si trasformano in due maiali. L'unica nota di fantasia del film è la parte in cui il protagonista si addormenta e sogna il suo mito Giovanni Battista Caproni, l'ingegnere aereonautico da cui prende ispirazione. In questi brevi flash, il protagonista parla con lui e vive in un mondo in cui si può camminare anche sulle ali di un aereo in volo; tanto, come dicono anche nella storia, è un sogno e non può succedere niente.
Comunque, la trama si può definire molto piatta perchè manca di colpi di scena e il finale lascia un po' la bocca asciuta.
A parte le note dolenti sulla trama, il film è una meravigliosa raccolta visiva dei vecchi aerei costruiti nei primi anni del 900 ed è ricca di dettagli che aiutano a comprendere il Giappone negli anni della guerra mondiale e i modi tipici della cultura giapponese, come ad esempio la completa dedizione al lavoro.

di Rebecca Guzzo


Articoli correlati

Paesaggi urbani
L'arte si mette in gioco
Le immagini raccontano…
Mostra delle tesi
di laurea
in Comunicazione visiva
Mettetevi comodi: “Ha inizio lo spettacolo!”
i trucchi della fantasia