Il blog degli studenti del Bachelor of Arts SUPSI
in Comunicazione Visiva

01/12/2014

Le Meraviglie
di Alice Rohrwacher





Sono andata al cinema a vedere il nuovo film della regista italiana Alice Rohrwacher, Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes 2014.

Gelsomina, un’adolescente introversa e perspicace, vive con le tre sorelle minori e i genitori in una fattoria malandata e sperduta in campagna. Il padre, un apicoltore, è intento a tramandare le sue conoscenze a Gelsomina, cercando di mantenere una forma arcaica di struttura famigliare ed evitando ogni progresso tecnologico. La vita campestre monotona della famiglia viene capovolta quando arriva uno show televisivo, “Il Paese delle Meraviglie”, che vuole premiare la famiglia rurale più autentica.

Questo film colpisce soprattutto per la credibile e realistica relazione tra le sorelle e tra i membri della famiglia: il modo in cui si parlano, giocano e litigano è genuino e piacevole; chiunque non sia cresciuto figlio unico si riconosce nei loro modi di comportarsi. Anche il ritmo lento e contemplativo delle immagini della vita campestre, senza telefonini né computer, è una boccata d’aria fresca rispetto alla nostra realtà quotidiana sempre più frenetica.

Di Magdalena Erny



Articoli correlati

Film che ha raggiunto
il realismo più assoluto,
ma privo di storia memorabile.
Eredità condivise?
Conservare la materia di cui sono fatti i sogni
Il cinema ispirato
ai fumetti
Trappole tecnologiche?
Incontro con
Francesca Badalini